Persone

WRoCAH

Alice, Veronica and Holly


York logo

Alice Toso

Background

Mi sono laureata alla Laurea Triennale in Beni Archeologici presso l’Università di Bologna – Campus di Ravenna nel 2011 e ho completato il Master in Paleopatologia all’Università di Durham nel 2013, grazie alla borsa di studio parziale Departmental Anniversary Bursary 2012. La mia tesi si occupò di indagare lo stato di salute di due popolazioni medievali di Asti, nell’Italia settentrionale, usando gli indicatori di stress non specifico come segnali della stratificazione sociale. Dopo aver concluso il Master, ho vinto una borsa Leonardo di tre mesi grazie alla quale ho potuto lavorare al Dipartimento di Antropologia e Scienze della Vita dell’Università di Coimbra. Il progetto prevedeva la creazione di modelli in 3D per testare la potenzialità della parte distale dell’omero nella stima del sesso di un individuo. Dopo la conclusione della borsa Leonardo ho lavorato Assegnista di Ricerca in un progetto di Antropologia Forense a Porto in Portogallo. Dopo questa esperienza mi sono candidata alla borsa di studio della White Rose ‘Faith in Food, Food in Faith’ network. Il mio dottorato considera la relazione tra cibo e fede nella penisola iberica medievale sotto la direzione della Dr.ssa Michelle Alexander dell’Università di York e della Dr.ssa Iona McCleery dell’Università di Leeds.

Esperienza 

Durante la Laurea triennale ho preso parte a numerosi scavi (Italia, Spagna, India e Regno Unito) concentrandomi principalmente sull’età del Bronzo e del Ferro. Durante il master, la mia ricerca si è incentrata sullo studio di due gruppi di scheletri medievali provenienti da Asti nell’Italia settentrionale. Durante questo progetto ho eseguito l’intero processo per il trattamento di resti umani ossei (lavaggio, asciugatura, siglatura, inventario, studio antropologico e paleopatologico).

Subito dopo aver conseguito il Master, ho vinto una borsa Leonardo che mi ha permesso di lavorare per tre mesi al Dipartimento di Antropologia e Scienze della Vita dell’Università di Coimbra, Portogallo. Durante questa esperienza, ho progettato e portato a termine un progetto incentrato sulla determinazione del potenziale della parte distale dell’omero e della fossa olecranica nella determinazione del sesso di un individuo. Grazie all’impiego di un Laser scan, furono creati modelli in 3D di 200 omeri con lo scopo di prendere le misure necessarie direttamente sul modello con maggior accuratezza e precisione.

Quando conclusi la borsa Leonardo, mi è stato offerto un contratto come Assistente di Ricerca in un progetto di Antropologia forense chiamato BoneMedLeg, sviluppatosi all’Istituto di Medicina legale di Porto in collaborazione con l’Università di Lisbona e la Facoltà di Dentistica dell’Università di Porto. Il team nel quale ero inserita si occupò di creare una nuova collezione scheletrica identificata con resti umani scheletrici provenienti dai cimiteri della città di Porto. Lavaggio, asciugatura, siglatura, inventario, misure antropometriche sono alcune delle mansioni svolte giornalmente. Numerosi metodi vennero inoltre testati con lo scopo di migliorare l’accuratezza delle tecniche di stima del sesso e dell’età dei resti scheletrici.

Il mio profilo sulla piattaforma Academia é visibile qui https://york.academia.edu/AliceToso

 

Holly J. Hunt-Watts Leeds logo

Background

Ho completato la mia Laurea triennale all’Università di Exeter con la votazione first class honours in Archeologia con un BSc in Scienze Forensi e ho continuato la mia formazione accademica con una Distinction nel seguente Master in Bioarcheologia (Osteologia Umana). Durante il Master mi sono formata sotto la direzione del Dr. Christopher Knüsel ed è nata la mia passione per l’osteoarcheologia e per la conoscenza che fornisce circa la saluta e il benessere nel passato. In linea con le mie esperienze precedenti, mi sono candidata per la terza borsa di studio facente parte del network White Rose ‘Faith in Food, Food in Faith’ per continuare il mio lavoro sulla salute umana nelle popolazioni archeologiche. Ad ogni modo la mia ricerca prese una piega leggermente diversa, infatti ora mi concentrerò anche sullo stato di salute nutrizionale di popolazioni moderne.

Dal momento che mi trovai interessata riguardo la possibilità di produrre ricerca archeologica che fosse rilevante per temi molto più moderni, ho accettato la borsa di studio e sto attualmente lavorando sul tema “Cibo e consumo di nutrienti in famiglie a basso reddito: uno studio comparato”.Esaminerò il fenomeno della povertà alimentare durante il tempo, a partire dal XVIII secolo fino all’Inghilterra moderna, usando fonti storiche e analisi dei resti scheletrici umani con l’aiuto di metodi relativi alla epidemiologia nutrizionale. Durante il mio PhD sarò coordinata dalla Prof. Janet Cade dell’Università di Leeds inserita nel gruppo di Epidemiologia Nutrizionale e dalla Prof. Dawn Hadley, direttrice del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Sheffield.

Esperienza

Ho circa 5 mesi di esperienza di scavo acquisita su una varietà di siti archeologici diversi. Ho lavorato come supervisore nel sito romano di Ipplepen in Devon e al sito di Gunwalloe in Cornovaglia. Entrambi gli scavi furono organizzati dall’Università di Exeter. Le mie illustrazioni della stratigrafia per il sito di Gunwalloe sono state inserite in ‘Wood I.E.E., 2013: Gunwalloe Through the Ages: Middle Bronze Age to the 12th century AD, Lizard Peninsula, Cornwall. Evaluation Report for works carried out 2011-2012. Rural Development Agency and National Trust.’

Ho inoltre lavorato per la ditta di archeologia commerciale South West Archaeology durante due estati. In questo periodo ho scavo una serie di round houses risalenti all’età del Bronzo vicino Falmouth. Ho acquisito un’ampia esperienza nella ricognizione geofisica nei terreni della Cornovaglia a causa di un progetto di ricognizione antecedente la costruzione di turbine a vento. Seguirono ricognizioni in prima persona a Exmoor e uno studio dettagliato in ufficio dei risultati del survey geofisico.

Oltre all’esperienza in campo archeologico ho acquisito una estesa esperienza circa la curatoria e catalogazione di resti scheletrici umani, sia come volontaria che come stagista salariata durante uno stage all’Università di Exeter avente lo scopo di organizzare e registrare le sue collezioni provenienti da due cimiteri medievali.

Potete vedere il mio profilo linkedin qui http://uk.linkedin.com/pub/holly-hunt-watts/76/661/991/

Veronica Aniceti

University+of+Sheffield+logo

Background

Nel 2007 mi sono iscritta alla Laurea triennale in Scienze dei Beni Archeologici presso l’Università di Siena. In seguito, sempre nella stessa Università, mi sono iscritta alla Laurea magistrale in Archeologia e Scienze dell’Antichità. A Luglio 2013 mi sono laureata con una tesi incentrata sullo studio zooarcheologico di un campione faunistico proveniente da una struttura bassomedievale presente nel sito di Rocca degli Alberti (Monterotondo Marittimo, Grosseto), in Toscana meridionale. Quest’ultimo sito archeologico è stato oggetto di numerose campagne di scavo coordinate dalla Professoressa Giovanna Bianchi nelle quali ho attivamente partecipato sin dal secondo anno di Università.Nel 2012 ho partecipato ad una summer school in Zooarcheologia a Feltre (Belluno, Italia) coordinata dal Professore Sauro Gelichi (Università di Venezia).

L’anno seguente (2013) mi sono iscritta al corso di Laurea specialistica in Osteoarcheologia, presso l’Università di Sheffield (United Kingdom). La mia tesi era focalizzata sullo studio di due campioni faunistici provenienti da due siti archeologici romani posti nella Toscana meridionale: Scoglietto e Spolverino (Alberese, Grosseto).

Durante il mio progetto di ricerca di dottorato sarò seguita e coordinata dal Professor Umberto Albarella (Università di Sheffield) e dal Professore Martin Carver (Università di York). Il mio dottorato cercherà di analizzare e individuare le similitudini e le differenze nell’allevamento e nello sfruttamento animale tra il periodo musulmano e quello cristiano in Sicilia durante il periodo medievale (VIII-XII secolo d.C.).

Esperienze

L’esperienza universitaria a Siena mi ha permesso di sviluppare solide conoscenze sulle dinamiche sociali ed economiche che caratterizzano il periodo medievale in Italia e nel resto d’Europa. In particolare, i miei studi e le campagne di scavo in cui ho sempre attivamente partecipato si sono spesso incentrate sul periodo di transizione tra il periodo altomedievale e quello bassomedievale.Come accennato prima, durante il periodo universitario ho spesso partecipato ad intere campagne di scavo in numerosi siti medievali. L’esperienza di scavo archeologico mi ha fornito solide conoscenze sia sulla stratigrafica archeologia, sia sulla registrazione delle evidenze che sull’elaborazione successiva dei dati. Oltre a ciò, tali esperienze sono state essenziali per comprendere le norme di organizzazione di lavoro sullo scavo di un team di ricerca e per partecipare a numerose e interessanti discussioni tenute da vari specialisti.

Durante l’esperienza universitaria a Siena ho iniziato ad interessarmi allo studio delle ossa animali provenienti dai siti archeologici. Affascinata da questa materia, ho iniziato a studiare da autodidatta consultando libri e manuali di anatomia veterinaria. Nel Febbraio 2012, al fine di espandere le mie conoscenze sulla Zooarcheologia, ho deciso di trascorrere un semestre presso l’Università di Sheffield, in Inghilterra.

Qui ho passato la maggior parte del tempo nel laboratorio di Zooarcheologia (presso il Dipartimento di Archeologia), identificando sia a livello anatomico sia tassonomico numerosi resti faunistici. In questo periodo sono stata sempre seguita dal Professor Umberto Albarella e dal suo team di ricerca. Questa esperienza all’estero ha rafforzato il mio interesse verso la ricerca zooarcheologica. Per tale ragione, nel 2013 ho deciso di seguire un altro corso di laurea specialistica in Osteoarcheologia presso Università di Sheffield. Questo corso di Laurea mi ha fornito importanti e nuove informazioni circa le metodologie di studio e nuovi approcci di ricerca sui resti ossei animali e umani provenienti da scavi archeologici. Nello stesso periodo ho lavorato alla collezione di riferimento tenuta presso il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Sheffield. Il mio lavoro consisteva soprattutto nella riorganizzazione di una collezione di molluschi, sia terrestri che marini, e in una nuova sistemazione dei resti faunistici di mammiferi. Oltre a ciò, da due anni sono parte integrante di uno short course in Zooarcheologia, organizzato ogni anno dal Professor Umberto Albarella e dal suo team. Inoltre, insegno Zooarcheologia (corso preliminare) alle summer e winter schools organizzate dall’associazione culturale Progetto Archeologico Alberese, il cui fine è ricostruire lo sviluppo degli insediamenti e delle reti commerciali nel sud della Toscana tra la metà del periodo repubblicano e la tarda antichità.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s