Ossa, denti e perline. Il Festival of Ideas a York.

Cosa succede se si mettono insieme 5 chili di sabbia, una serie di ossa, 72 pennarelli, 2 blocchi da disegno ed un numero imprecisato di perline? La risposta ufficiale a questa domanda è un’incredibile attività interattiva per bambini; quella ufficiosa è bambini contenti e archeologhe stanche ma soddisfatte. 11123973_10207264878686512_897156175_n

11422919_10207257238535513_19069469_o

Lo scavo

La sfida che ci si proponeva mentre progettavamo l’attività era ambiziosa: come comunicare la scienza che si trova dietro la ricostruzione della dieta nel passato, a bambini tra i 6 e i 12 anni, divertendosi!? Dopo qualche profonda riflessione e numerose tazze di caffè abbiamo deciso di dividere lo stand in tre diverse stazioni che potessero essere abbordate singolarmente ed in ordine sparso. La prima stazione, detta “Lo Scavo“, era una ricreazione di uno scavo archeologico che includeva quattro vassoi colmi di sabbia, nei quali abbiamo nascosto una serie di reperti archeologici (veri e non). Tutti i reperti nascosti nella sabbia avevano una connessione diretta con lo studio della dieta: ossa umane, ossa animali, denti, capelli, coproliti e resti di piante. Molti bambini si sono subito fatti coinvolgere dallo scavo e come biasimarli? Giocare con la sabbia e nel mentre scoprire reperti archeologici è una delle cose migliori del mondo. Per attività future tuttavia, sarà bene ricordarsi di prendere una scopa ed una paletta perché dopo la prima ora di apertura al pubblico, si era creata una piccola spiaggia artificiale intorno al tavolino.

La seconda attività era “In negozio“. Quattro contenitori di plastica sono stati preparati con perline colorate al loro interno. Ognuno dei quattro colori rappresentava una categoria alimentare che i bambini potevano scegliere per fare la loro spesa. Le perline blu rappresentavano il pesce, le rosse la carne, le verdi frutta e verdura e le gialle i carboidrati. Abbiamo successivamente chiesto ai bambini di scegliere i loro cibi preferiti o quello che di solito mangiano per costruire il braccialetto della loro dieta. Una volta completato il braccialetto da portare a casa, abbiamo chiesto loro di indovinare cosa noi avessimo mangiato guardando i nostri braccialetti. Tutti i bambini hanno immediatamente capito il collegamento e scoperto che tra noi quattro, una persona era vegetariana, una non mangia carboidrati e due avevano una dieta bilanciata. Il passo successivo dunque era quello dalla lettura dei braccialetti alla lettura dei segnali isotopici nelle ossa. Molti bambini cosi come genitori, si sono interessati a questa tecnica e hanno chiesto delucidazioni su come si facciano le analisi!

11347826_10207264921087572_279962540_o

Mr. Bonehead

11415032_10207257238655516_969290132_o

At the shop

L’ultima stazione era “Disegna il tuo cibo preferito” e mirava a coinvolgere i bambini più piccoli che possono distrarsi più facilmente. I temi dei disegni erano decisamente variabili da Mr. Bonehead (Signor Testa d’osso nella fotografia), ai loro animali preferiti ed infine i loro cibi preferiti tra cui spiccavano sicuramente salsicce, toast, nuggets di pollo e pasta. In questo caso sarebbe interessante riproporre l’attivita in Italia e vedere quali cibi verrebbero nominati maggiormente. Una famiglia di italiani e’ passata dallo stand e le lasagne del babbo sono state acclamate come cibo preferito.

L’attivita é stata un successo e abbiamo ricevuto commenti molto positivi sia dai bambini, che si sono immediatamente lanciati nello scavo, sia dai genitori che sono rimasti a chiacchierare con noi un po più a lungo mentre i bambini erano impegnati a scavare. Le reazioni dei genitori sono state principalmente di grande curiosita verso la scienza celata dietro l’archeologia. Moltissime persone ancora ignorano la quantita di informazioni che puo essere acquisita dalle ossa e dai reperti archeologici. In questo senso é necessario fare ancora molto lavoro ma attivita come quella del Festival of Ideas sono necessarie per raggiungere le persone al di fuori del ristretto circolo accademico e portare al scienza fuori dal laboratorio.

Per saperne di piu sul Festival of Ideas clicca qui.

In conclusione devo ringraziare le mie compagne di avventure per il loro eccellente lavoro e coordinazione prima e durante l’evento. Un ringraziamento speciale a Keri Rowsell, Rachelle Martyn e Chloe Brown.

Alice

11422253_10207258885856695_435161720_o

The entire team from the left Chloe Brown, Keri Rowsell, Rachelle Ma

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s