Histfood va in Italia!

Il 19 Dicembre 2014 ho dato una presentazione all’Università di Torino sul mio progetto specifico e sull’utilizzo degli isotopi stabili in Archeologia.

Studenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze della Vita e di Biologia dei Sistemi erano presenti e hanno fornito reazioni molto interessanti circa la presentazione. Gli studenti erano particolarmente interessati a capire come gli isotopi possano dare informazioni circa lo svezzamento dei bambini nel passato! Questo è certamente un argomento molto popolare nell’analisi degli isotopi ed è anche uno degli aspetti che affascina maggiormente il grande pubblico. La valutazione della fine dell’allattamento e l’inizio dello svezzamento può essere effettuata grazie all’analisi del livello di Azoto (δ15N). I bambini che sono stati allattati presentato un valore di δ15N più alto rispetto a quello della madre. Questo è dovuto ad un fenomeno chiamato trophic level effect (Schoeninger and DeNiro1984, Richards et. Al 2002). Praticamente ogni volta che un predatore mangia la sua preda il suo livello di δ15N aumenta, muovendosi un gradino più in  alto nella catena alimentare. Facciamo un altro esempio: se un individuo mangia della carne di un predatore che a sua volta ha mangiato una preda, il nostro individuo salirà ben due gradini nella catena alimentare e mostrerà valori di δ15N due volti superiori a quelli della preda. Ora qui sta la parte curiosa. Quando i bambini vengono allattati stanno consumando il latte materno che è a tutti gli effetti, un tessuto umano. Di conseguenza il loro livello di δ15N sarà più alto rispetto a quello delle loro madri. Esattamente come se fossero un gruppo di piccolo cannibali, si cibano delle loro madri. Per qualche strana ragione le persone trovano questo aspetto in qualche modo divertente!

Alla fine della presentazione c’è stato tempo per le domande e mentre alcune erano dirette al progetto, ho ricevuto molte domande circa i Networks e anche il consorzio White Rose di cui faccio parte. Molti studenti erano curiosi di saperne di più circa il processo di candidatura e della mia esperienza come studente White Rose così come studente all’Università di York. In questi casi una delle domande più popolari è sempre relativa al cibo e se un Italiano possa sopravvivere all’estero. Si può fare ragazzi!

Un sacco di menti curiose e brillanti a Torino! E’ stata davvero una bella esperienza anche se ogni volta che torno in Italia mi ci vuole almeno una settimana per riprendere a parlare italiano senza evidenti segni di dislessia. I problemi principali sono sempre parole specifiche che ho problemi a tradurre perché le ho imparate direttamente in inglese. Un esempio su tutti che probabilmente i ragazzi di Torino hanno notato: ho passato buona parte della presentazione dicendo Nitrogeno, prendendo la parola inglese Nitrogen e aggiungendogli una “o” al fondo per farlo sembrare italiano. Giusto per chiarire, questa parole non esiste e la parola corretta è Azoto.

Vorrei ringraziare in particolare la Dr.ssa Rosa Boano ed i suoi collaboratori che hanno organizzato questo evento e mi hanno accolta caldamente. Ho conosciuto la Dr.ssa Boano nel 2012, giusto dopo aver consegnato la mia tesi di Master all’Università di Durham. Ho fatto un po’ di volontariato nel suo laboratorio di Antropologia a Torino e dopo alcuni mesi mi ha gentilmente invitato a dare una lezione ai suoi studenti della triennale, parlando del mio progetto di tesi. Quella fu la prima volta che diedi una lezione ai ragazzi della triennale ma mi sono davvero divertita a farlo e sono sempre felice di tornare. Torino, con tutta la sua bellezza da salottino di fine ‘800, gioca un ruolo importante in questo senso! Per chi di voi non sia mai stato a Torino, ho scattato una foto al Palazzo Reale. Vale la pena visitarlo!

Alice

blog photo

 

Bigliografia

Richards MP, Mays S, Fuller BT. 2002. Stable Carbon and Nitrogen isotope values of bone and teeth reflect weaning age at the medieval Wharram Percy site, Yorkshire, UK. Am J Phys Anthropol 119: 205–210, 2002.

Schoeninger. M, DeNiro M. 1984. Nitrogen and Carbon isotopic composition of bone collagen from marine and terrestrial animals. Geochim Cosmochim Acta 48:625–639

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s